IL PROGETTO

Semplice e parsimonioso, ma non banale. Sembrerà una nave ormeggiata nella valle; un ponte in acciaio chiaro e luminoso. Di giorno rifletterà la luce del sole ed assorbirà energia solare e di notte la restituirà. Sarà un ponte sobrio, nel rispetto del carattere dei genovesi.

Renzo Piano

1.067

METRI la lunghezza della travata continua che costituirà l’impalcato in acciaio

18

PILE in cemento armato di sezione ellittica

19

CAMPATE costituiranno la travata continua dell’opera

Le principali fasi di costruzione del nuovo ponte di Genova

Descrizione tecnica

Il nuovo Ponte sarà costituito da un impalcato in acciaio, con una travata continua di lunghezza totale pari a 1067 metri costituita da 19 campate così suddivise:

14 campate
in acciaio-calcestruzzo da 50 metri


3 campate
in acciaio-calcestruzzo da 100 metri
1 campata
in acciaio-calcestruzzo da 40,9 metri di approccio alla spalla Est per evitare interferenze con le pile del vecchio Ponte Morandi
1 campata
in acciaio-calcestruzzo da 26,27 metri di approccio alla spalla Est per evitare interferenze con le pile del vecchio Ponte Morandi
 

A questo impalcato è strutturalmente connessa una rampa in acciaio-calcestruzzo di lunghezza complessiva pari a circa 110 metri a tre luci.
 

Il progetto prevede 18 pile in cemento armato di sezione ellittica a sagoma costante per l’intero sviluppo in altezza.

Le pile vengono realizzate con l’ausilio di casseri rampanti con riprese di getto a passo 4,5 metri.

Le dimensioni esterne di 9.00 x 3.00 metri sono le stesse sia per le campate da 50 che da 100 metri. Questa scelta comporta notevoli vantaggi, tra cui l’uniformità prospettica dell’opera, la velocità di realizzazione legata alla necessità di approntare una sola tipologia di cassero esterno e la costituzione interna della pila formata da un cassone monocellulare.

L’impalcato sarà realizzato in struttura mista acciaio-calcestruzzo con un’altezza complessiva della carpenteria metallica di circa 4,3 m al centro della sezione di impalcato. Sono previste due corsie per senso di marcia oltre alla corsia di emergenza. Il bordo del ponte è caratterizzato da una barriera protettiva antivento che integra un sistema di approvvigionamento energetico fotovoltaico.

Le caratteristiche geometriche del progetto, enfatizzate dal sistema di illuminazione previsto, rafforzano la volontà di ridurre la presenza dell’infrastruttura all’interno del contesto della Valle Polcevera.

Dati tecnici

I numeri dell'impalcato principale

80.000

il volume degli scavi
9.000
tonnellate
acciaio d’armatura
67.000

calcestruzzo utilizzato
15.000
tonnellate
acciaio carpenteria metallica

Tecnologie

  • Impianto fotovoltaico
  • Fabbricato tecnologico per la supervisione centralizzata degli impianti
  • Deumidificazione dell’aria all’interno dell’impalcato metallico a protezione della corrosione
  • Robot per l’ispezione strutturale del Ponte e manutenzione ordinaria pannelli solari ed acustici