NEWS

Genova -

Issata in quota la terza e ultima maxi-campata. Il ponte torna a scavalcare la ferrovia

Issata domenica in quota la terza e ultima maxi-campata, tra le pile 10 e 11, che misura 94 metri per 1800 tonnellate di peso, e che con i conci di pila già montati nei giorni scorsi arriva a misurare 100 metri. Il ponte torna finalmente a scavalcare anche la ferrovia, arrivando a delineare ben 750 metri di lunghezza, circa l’80% del totale.

Le operazioni propedeutiche al varo sono iniziate sabato: è stato infatti necessario far scavalcare all’impalcato la ferrovia tramite l’ausilio dei carrelli telecomandati, che, dopo una manovra di rotazione di 90 gradi, è stata portata in posizione tra le pile. Per il sollevamento sono tornati in campo ancora una volta gli strand jack, capaci di sostenere il peso della maxi-campata, che vede già montati i suoi 14 carter laterali, le predalles, le velette e anche gli impianti. Questi speciali martinetti idraulici riescono a garantire una salita in sicurezza dell’elemento a una velocità di 5 metri all’ora, in condizioni meteo ottimali. L’operazione di sollevamento è durata complessivamente 8 ore, completandosi domenica sera.

Nel frattempo, proseguono i lavori in cantiere. A ponente, si continua a lavorare in quota sull’impalcato tra la Spalla A e la pila 1, dove vengono montati carter, velette, predalles e impianti. A terra, procede il montaggio delle campate 1-2 e 2-3. Completate le operazioni di saldatura dei giunti della maxi-campata sul Polcevera tra le pile 9 e 10, operazione anche questa fondamentale per poter procedere con il varo di ieri.

A levante, prosegue il montaggio a terra delle campate 12-13 e 17-18. In quota, invece, si procede con il montaggio dei carter laterali, delle velette e delle predalles nonché con la saldatura dei giunti e la posa degli impianti dei 4 impalcati tra le pile 13 e 17. Completata, invece, la campata che andrà a posizionarsi tra la pila 18 e la Spalla B.

1000x563 021000x563 03